Scegli il tuo Paese e la tua lingua:

Africa

  • Globale
  • Angola
  • Botswana
  • DRC
  • ethiopia
  • Ghana
  • Kenya
  • malawi
  • Mozambico
  • namibia
  • Nigeria
  • Sudafrica
  • Tanzania
  • Uganda
  • zambia
  • zimbabwe

Americhe

  • USA
  • Argentina
  • Brasile

Asia Pacifico

  • Cina
  • India
  • Giappone
  • Corea del Sud
  • Australia

Europa

  • Francia
  • Germania
  • Italia
  • Olanda
  • Regno Unito
Indietro
Gauteng

You are only moments away

IIl Sudafrica è una nazione vibrante e variegata ma con un unico spirito sorto in circostanze buie, che accomuna tutti i sudafricani. Queste difficoltà hanno contribuito a forgiare quel che poi è divenuto il Sudafrica, offrendo al mondo una lezione che non bisogna dimenticare. Nonostante non si possa cambiare il corso della storia, è sempre possibile imparare dal passato, e l'umanità può trarne ispirazione.

Il Museo dell'apartheid, non lontano dal centro di Johannesburg, commemora il tristemente noto sistema di discriminazione razziale che divenne sinonimo di Sudafrica dal 1948 (momento in cui prese il potere la minoranza bianca del Partito nazionalista) al 1994, l'anno in cui nel Paese si tennero le prime elezioni completamente democratiche che diedero alla luce un nuovo Sudafrica.

IIl Museo dell'apartheid, non lontano dal centro di Johannesburg, commemora il tristemente noto sistema di discriminazione razziale che divenne sinonimo di Sudafrica dal 1948 (momento in cui prese il potere la minoranza bianca del Partito nazionalista) al 1994, l'anno in cui nel Paese si tennero le prime elezioni completamente democratiche che diedero alla luce un nuovo Sudafrica. È per questo che il Museo dell'apartheid di Johannesburg merita di essere visitato, non soltanto dai turisti ma dagli stessi sudafricani.

Lo sapevi?
IIn 1952, African National Congress stalwarts Nelson Mandela and Oliver Tambo established South Africa's first black law firm, called Mandela and Tambo.

II visitatori del museo vengono accolti da una rappresentazione estremamente realista di quel che significava vivere in una società che praticava la segregazione razziale. Il museo ha due porte d'entrata, una per "bianchi" e una per "non bianchi" e, a seconda del biglietto ricevuto, verrete invitati a varcare una delle due porte.

Museo dell'apartheid

Cibo

Esplora ora
Aggiungi a lista dei desideri
Aggiungi a lista dei desideri
Quando visitare
Come arrivarci

LLe leggi che determinavano le entrate che le persone potevano utilizzare o gli autobus che potevano prendere erano considerate come un "apartheid minore", ma questo sistema di classificazione razziale presentava anche altre connotazioni molto più gravi. Durante l'apartheid, la maggior parte degli abitanti del Paese furono espropriati dei propri possedimenti, delle opportunità economiche e del diritto democratico di scegliere il loro leader, semplicemente in base alla classificazione razziale.

Quando il Partito nazionalista salì al potere nel 1948, iniziò a inasprire la segregazione razziale sotto l'egida del South African Bureau for Racial Affairs. Ben presto vennero istituite leggi razziali come il Population Registration Act, che assegnava a ciascun cittadino una categoria razziale, e il Group Areas Act, che instaurava zone urbane separate a seconda del gruppo razziale.

Altre misure repressive comprendevano il divieto di sciopero e una libertà di movimento limitata per i non bianchi attraverso coprifuochi e lasciapassare. L'apartheid generò un movimento sempre più vasto di resistenza fra coloro che erano stati privati del diritto di voto, che a sua volta condusse a misure punitive più aspre adottate dallo Stato e alla proclamazione di diversi stati di emergenza nel corso degli anni Ottanta.

Esplora ora
Aggiungi a lista dei desideri
Aggiungi a lista dei desideri

LLa revoca della messa al bando dell'African National Congress e il rilascio del suo leader, Nelson Mandela, disposto nel febbraio 1990 dall'ex presidente F. W. de Klerk, diedero il via a una nuova era per il Paese e a una serie di negoziazioni per una società più equa e democratica. Entrambi ricevettero il Premio Nobel per la Pace per il loro contributo a una transizione pacifica del Paese verso la democrazia.

Nelson Mandela venne riconosciuto in tutto il mondo come l'uomo che liberò il Paese da una politica selvaggia e cancellò le divisioni all'interno della popolazione.
Di conseguenza, non deve stupire che una delle esposizioni più amate è quella su Mandela, che narra le vicende del padre della nazione arcobaleno e probabilmente l'icona umanitaria più importante del mondo.

Who to contact
How to get there
Best time to visit
Around the area
Tours to do
Get around
What will it cost
Length of stay
Where to stay
What's happening

Articoli relazionati

Museo District Six - Decenni di ricordi

Museo District Six - Decenni di ricordi

Questo museo di Città del Capo intende ricollegarsi allo spirito della comunità e fornire una diversa interpretazione del passato.

Esplora ora
Aggiungi a lista dei desideri
Aggiungi a lista dei desideri

Il Sudafrica sui social media

Copyright © 2019 Ente del turismo del Sud Africa
|Disclaimer|Termini e condizioni|Informativa sulla privacy